Rarotonga: tre spotter feriti dal jet blast!

L'aeroporto di Rarotonga, nelle Isole Cook, in un'immagine di repertorio del National Geographic
L'aeroporto di Rarotonga, nelle Isole Cook, in un'immagine di repertorio del National Geographic

.

Il 25 giugno scorso il Boeing 777-219ER "ZK-OKG" dell'Air New Zealand, operante il volo  NZ-45 da Rarotonga (Cook Islands) ad Auckland (New Zealand), ha investito con il getto dei suoi motori tre appassionati di aviazione, causando ferite tali da obbligare i tre malcapitati a trascorrere una settimana in ospedale.


L'incidente è accaduto in testata pista 26 dove il 777, dopo aver effettuato un backtrack, si è allineato per il decollo. In quel punto la recinzione che delimita il sedime aeroportuale è particolarmente vicina alla strada pubblica, con la pista che dista solo un centinaio di metri dal passaggio di auto e pedoni. Il problema del jet blast, acuito dal fatto che la strada si trova sotto il livello della pista, è stato più volte segnalato dai locali, ma ciò non toglie che il luogo venga quotidianamente visitato dagli appassionati per vedere da vicino decolli ed atterraggi.


Rarotonga, unitamente ai più famosi Sint Maarten e Skiathos, fa parte di quel gruppo di aeroporti dichiarati "pericolosi" per la loro vicinanza con il pubblico passaggio, ma la loro particolarità desta sempre più curiosità che paura.


Seguendo i link in verde sarete reindirizzati alla scheda dell'incidente su AV Herald, alla scheda dell'aeromobile, ad un video esplicativo e ad un estratto di un articolo di stampa. 



0 Commenti

Manchester

Manchester. 

Nel PSC, al nome di questa città è ormai associato il concetto di magia. 


Prendete un mixer.


Inserite un traffico impressionante, con aeromobili che vanno dall'ATR all'Airbus A380, con compagnie che vanno dalla più piccola locale a legacy come Delta, American, Emirates, Etihad, Qatar, Cathay e tutte le più importanti europee.


Aggiungiamo una serie di spotting point favolosi, senza barriere fisiche che impediscano la vista, raggiungibili con passeggiate attraverso luoghi fiabeschi e che sembrano costruiti o fatti apposta per permettere di assistere allo spettacolo dei decolli ed atterraggi.


Mettiamoci un pizzico di imprevedibilità del tempo atmosferico, con il cielo che passa dall'azzurro al nero in pochi minuti o con la pioggia che arriva, bagna la pista e ti permette di fare le foto che avresti sempre voluto fare.


Integriamo, di nascosto, l'ingrediente segreto: un aeroporto molto particolare, con evidenti ed impressionanti dislivelli non solo tra le testate pista, ma anche tra le due piste stesse e nei raccordi, finalizzati a far diventare pazzo il fotografo in sede di post produzione: ma è la pista che pende, o hanno costruito la torre ATC pensando a Pisa?


Concludiamo con una atmosfera di grande disponibilità ed amicizia, con decine di appassionati che affollano "l'anfiteatro" del Manchester Airport, con i quali scambiare quattro chiacchiere sui tempi passati e sugli ospiti inaspettati attuali.


Abbiamo pronta la nostra bibita per l'estate, fresca, profumata, un po' pazza.

La volete assaggiare? Andate nella sezione "MONDO" del nostro forum, cliccando qui, dove sono disponibili già cinque report della trasferta. Ed altre ne arriveranno.


Cin cin!

0 Commenti

Traffico aeroportuale maggio 2015: Catullo ancora con il segno meno

.

Assaeroporti (http://www.assaeroporti.com/statistiche/) ha recentemente pubblicato le statistiche del traffico aeroportuale italiano per il mese di maggio 2015.


A fronte di un generale aumento del traffico (in taluni casi a doppia cifra), si registra per l'aeroporto di Verona un nuovo segno negativo: i movimenti sono stati 2.467 (dei quali 1.437 internazionali e 714 nazionali), con un calo del 6,2% rispetto allo stesso mese del 2014. 


Per quanto riguarda il numero dei passeggeri, Verona ha registrato un numero complessivo di transiti pari a 217.729 (circa 65mila nazionali e 151mila internazionali), con un calo pari a circa l'8%.


Dall'inizio dell'anno sono passati dal Catullo circa 820mila passeggeri, con un calo rispetto ai primi cinque mesi del 2014 di circa il 10,5%. Si tratta di un dato leggermente migliore del consuntivo ad aprile, quando il ritardo sul primo quadrimestre dell'anno precedente fu del 14% circa.

0 Commenti

Fabrizio Berni del PSC nuovo "screener" di Airliners.net


Il nostro Fabrizio Berni, Vice Presidente del PSC, è stato scelto dallo staff di Airliners.net, il maggior sito mondiale di fotografia aeronautica, come nuovo membro del team di screeners, unico italiano dei circa quaranta che compongono il gruppo di lavoro.


Agli screeners, come noto, viene affidato il compito di vagliare ed analizzare le foto inviate dagli iscritti al database che, prima di essere accettate e pubblicate, devono sottostare ad una serie di standard qualitativi ed estetici piuttosto rigidi e selettivi.


Per Fabrizio, grande appassionato di post produzione e di elaborazione delle immagini in generale, si tratta di un riconoscimento davvero prestigioso e, soprattutto, meritato.

0 Commenti

Qatar introduce l'Airbus A330 su Venezia

Si è svolta oggi a Venezia la presentazione del rafforzamento del servizio di linea di Qatar tra Venezia e Doha; dal 16 giugno, infatti, la compagnia del Golfo utilizzerà l'Airbus A330 in sostituzione dell'Airbus A320.

 

Il servizio fotografico completo è consultabile sul nostro forum a questo link

 

Vi proponiamo qui di seguito il Comunicato Stampa congiunto predisposto da Qatar Airways Italia e SAVE, società di gestione dell'Aeroporto Marco Polo di Venezia.

 

QATAR AIRWAYS AUMENTA DEL 75% LA CAPACITA' DA VENEZIA CON L'INTRODUZIONE DELL'AIRBUS A330.

 

Con l’arrivo della stagione estiva, da oggi, 16 giugno 2015, Qatar Airways rafforza la presenza su Venezia grazie all’introduzione dei nuovi Airbus A330 che, con 60 metri di lunghezza, 6 di larghezza e 300 posti in Business ed Economy Class, aumentano la capacità e il comfort sulla rotta che collega l’aeroporto Marco Polo con l’Hamad International Airport di Doha. “Dopo l’introduzione dei nuovi aeromobili sulle rotte in partenza da Milano e Roma, oggi abbiamo dato il via all’aumento di capacità da Venezia con l’introduzione del nuovo aeromobile Airbus A330, confermando così il ruolo centrale dell’Italia nella strategia di crescita globale della compagnia”, afferma Morena Bronzetti, Country Manager Qatar Airways Svizzera, Malta e Italia.

 

Meta tra le più amate in Italia e nel mondo, Venezia rappresenta una destinazione chiave all’interno del network di Qatar Airways: l’atmosfera senza tempo, la storia, la cultura e il fascino antico di questa città unica attraggono ogni anno milioni di turisti provenienti dai cinque continenti. L’introduzione degli Airbus A330 sulla rotta Venezia – Doha a/r, attiva dal 2011 con un volo al giorno, contribuirà a incrementare gli arrivi internazionali in Italia e permetterà a un numero maggiore di viaggiatori italiani di raggiungere la capitale del Qatar e le oltre 140 destinazioni presenti nel network della compagnia, in Africa, in Asia o in Oceania.

 

“Per l’aeroporto Marco Polo di Venezia l’introduzione del nuovo aeromobile Airbus A330 rappresenta un importante successo e un arricchimento significativo nella rete di voli di lungo raggio” – dichiara Camillo Bozzolo, Direttore Commerciale Aviation SAVE – “Tra SAVE e Qatar Airways si è sviluppata da subito un’intesa proficua basata su obiettivi condivisi di sostenibilità della rotta, che ci hanno portato al risultato odierno, a supporto di una pronta e dinamica risposta del mercato locale ed internazionale”. “Con il suo standard qualitativo riconosciuto a livello mondiale ed una rete di destinazioni in continua espansione” – conclude Bozzolo – “Qatar Airways rappresenta un partner fondamentale per l’aeroporto Marco Polo, nonché un player strategico all’interno dell’alleanza oneworld, che vede rafforzata la propria presenza a Venezia, grazie a questo up-grade di aeromobile”.

 

Grazie ai nuovi aeromoboli widebody operativi da e per Venezia, i passeggeri Qatar Airways potranno usufruire di spazi più ampi che permetteranno di sperimentare tutti i benefici del prodotto a cinque stelle di Qatar Airways, tra cui la Business Class, premiata agli ultimi Skytrax Awards 2014 come la migliore al mondo. A bordo degli Airbus A330, il comfort dei passeggeri sarà arricchito da un nuovo sistema di intrattenimento on demand che permetterà di viaggiare in compagnia della migliore musica internazionale, con una selezione di circa 50 album, e di numerosi film di successo. La ricca scelta di menu prenotabili in anticipo, adatti a soddisfare ogni esigenza alimentare, allergie e intolleranze comprese, include anche i pasti per neonati e bambini, ai quali sono destinati una serie di servizi speciali, su richiesta, che consentiranno alle famiglie di sentirsi a casa anche a migliaia di metri di altezza.

 

(Ufficio Stampa Qatar Airways - SAVE).

0 Commenti

PSC incontra Qatar Airways

Si svolgerà domani 16 giugno, presso l'Aeroporto Marco Polo di Venezia Tessera, la conferenza stampa di presentazione del potenziamento del servizio di Qatar Airways tra gli aeroporti di Doha e Venezia.


La compagnia sostituirà, proprio a partire da domani, l'Airbus A320 con il più capiente Airbus A330, con un aumento dei posti disponibili di quasi il 100%.


Il PSC sarà presente all'evento.

0 Commenti

PSC: oggi Assemblea e cena sociale

Si svolgeranno oggi, presso l'Aeroporto di Verona Boscomantico, l'Assemblea dei Soci (ore 18.30) e la Cena d'Estate (19.45) del Piti Spotter Club Verona.


L'ordine del giorno dell'Assemblea prevede l'approvazione del bilancio 2014-2015 e la discussione sull'adozione di un Regolamento Interno, previsto dallo Statuto dell'Associazione, ma non ancora non entrato in vigore.

0 Commenti

Volotea apre base a Verona

Riportiamo il comunicato stampa dell'Aeroporto di Verona.

.

Verona, 11 giugno 2015

-

Volotea, la compagnia aerea low cost che collega città di medie e piccole dimensioni, punta ancora una volta sul Veneto, annunciando oggi di aver scelto Verona come sua settima base operativa a livello europeo. A partire dal 3 novembre 2015, infatti, lo scalo veneto diventerà un nuovo hub della compagnia, affiancando così le basi italiane (Venezia e Palermo), francesi (Nantes, Bordeaux e Strasburgo) e quella spagnola (Asturie). Saranno 2 gli aeromobili allocati presso la nuova base da cui è attualmente possibile prendere il volo verso 5 destinazioni: Bari, Catania, Palermo e le novità dell’estate 2015, Alghero e Brindisi. E per il futuro il vettore annuncia nuovi collegamenti verso Napoli e Cagliari e le sue due prime rotte internazionali da Verona alla volta di Tirana eChisinau (Moldavia).


“La scelta di aprire la nostra nuova base in Italia è ricaduta naturalmente su Verona, una città in cui siamo cresciuti molto nel corso degli ultimi tre anni e che ha ottime potenzialità di sviluppo – dichiara Carlos Muñoz, Presidente e Fondatore di Volotea. – Consideriamo la recente costituzione del polo aeroportuale del Nord Est e la collaborazione ormai consolidata con l’aeroporto di Venezia degli elementi importanti, in grado di accelerare i progetti di sviluppo che abbiamo in Veneto. Come è accaduto al Marco Polo, vogliamo diventare la compagnia aerea di riferimento del Catullo, offrendo un network di destinazioni più ampio rispetto a quello proposto dalle altre compagnie presenti presso lo scalo e aspirando alla prima posizione in termini di capacità già dal 2016”. 


E proprio in un’ottica di investimento futuro e di consolidamento dei rapporti con il polo aeroportuale del Nord Est, il vettore ha deciso di promuovere il Catullo a sua settima base europea. “Ci vogliamo proporre come una realtà affidabile, comoda ed economica - continua Muñoz -. La nostra offerta, infatti, si caratterizza per tariffe concorrenziali, collegamenti diretti, grande cortesia e puntualità. Nel corso del 2015 saremo in vendita con 378.000 biglietti, distribuiti su più di 3.000 voli (+119% vs 2014)”. 


Volotea si distingue per la strategia di collegare tra di loro solo aeroporti di medie e piccole dimensioni, con voli diretti. 


Sono ottimi i risultati raggiunti da Volotea presso il Catullo, dove sono più di 300.000 i passeggeri trasportati dal vettore dall’avvio dei suoi voli. “A Verona vogliamo dare un segnale forte e deciso: Volotea vuole continuare ad investire in quest’area, ampliando la propria offerta, sviluppando un carnet di proposte ancora più ricco - commenta Muñoz. - Con l’apertura della nostra nuova base riusciremo a garantire collegamenti verso Catania due volte al giorno per tutto il periodo invernale. Ai voli verso Bari e Palermo si aggiungeranno durante le festività natalizie i nuovi collegamenti verso Napoli (frequenza giornaliera dal 17 dicembre all’11 gennaio e a seguire 5 voli a settimana) e Cagliari (disponibile 3 giorni su 7, dal 18 dicembre all’11 gennaio per poi riprendere in primavera). Infine, a Natale, cominceremo a volare da Verona anche verso l’estero, con due rotte alla volta di Tirana (2 voli settimanali dal 17 dicembre) e Chisinau (operativa 2 giorni su 7 dal 18 dicembre al 10 gennaio e poi di nuovo da aprile)”. 


La flotta di Volotea si compone di 19 Boeing 717, 11 dei quali saranno allocati presso le 3 basi italiane del vettore. Tutti i velivoli sono configurati con 5 posti per fila (2+3), per un totale di 125 posti per aeromobile. L’utilizzo di questi aerei, particolarmente spaziosi e con sedili comodi, permette di offrire ai passeggeri un ottimale livello di comfort durante ogni volo, per un’esperienza ancora più rilassante.


“Con l’apertura della nostra base veronese si concretizzeranno numerose opportunità lavorative – continua Muñoz – almeno 50 posizioni tra piloti e personale di bordo, a cui si aggiunge un Base Manager per coordinare tutte le attività. Non va infine dimenticato l’indotto generato dai flussi turistici in transito dall’aeroporto e le opportunità lavorative indirette che verranno create nei prossimi mesi”.


“Volotea è cresciuta progressivamente con ottimi risultati a Verona attraverso una partnership consolidata, che si è estesa al territorio, fino al Lago e alle Dolomiti, – aggiunge Paolo Arena, Presidente dell’Aeroporto di Verona –. Volotea apre per la nostra area nuove opportunità di crescita turistica e economica. La compagnia aerea ha dimostrato grande attenzione per asset importanti come la Fondazione Arena e Veronafiere, con cui stiamo studiando progetti di collaborazione. Lo sviluppo di Volotea coinvolgerà tutta la catchment area dell’aeroporto, perché le potenzialità del nostro territorio possono essere un acceleratore della crescita del traffico se messe a sistema.” 

“La base di Volotea a Verona rappresenta una nuova importante acquisizione per l’aeroporto Catullo e per il polo aeroportuale del Nord Est che in breve tempo, attraverso un efficace lavoro di gruppo e una strategia composita di differenziazione e integrazione, sta consolidando e intensificando la sua funzione di riferimento per un ampio bacino d’utenza” – afferma Enrico Marchi, Presidente di SAVE –. “La rete di voli garantita da Volotea con cui abbiamo da tempo instaurato un’intensa collaborazione e che, lo ricordiamo, fin da subito e con lungimiranza ha scelto il nostro territorio per avviare la sua attività costituendo la sua prima base all’aeroporto di Venezia, rafforza il ruolo del Catullo che, con l’aumento di voli in termini di destinazioni e di posti offerti, sta recuperando una posizione centrale al servizio di un’area che gradualmente può tornare a contare sul suo aeroporto di riferimento”.                

 

Da aprile 2012 sono più di 5 milioni i passeggeri che hanno potuto programmare i propri spostamenti in Europa grazie alla flotta Volotea: un traguardo importante, che fa ben sperare per il futuro sviluppo della compagnia. Volotea si è posta alcuni ambiziosi obiettivi per i prossimi 5 anni: “Nel 2015 trasporteremo 2.5 milioni di passeggeri - conclude Muñoz. - Vogliamo raggiungere i 20 milioni di passeggeri entro la fine del 2018. Per fare ciò amplieremo la nostra flotta di almeno 4 aeromobili all’anno, che serviranno da un lato ad aumentare la nostra capacità sulle oltre 150 rotte già operate e dall’altro ad aggiungere 40 nuovi collegamenti ogni anno”. 

0 Commenti

Per accedere all'archivio notizie, consultare la mappa del sito.