Allarme bomba su un volo El Al

Boeing 747 El Al, foto archivio PSC
Boeing 747 El Al, foto archivio PSC

Il volo El Al LY002 proveniente da New York e diretto a Tel Aviv oggi è stato scortato fuori dagli spazi aerei elvetici da due caccia F-18 della forza aerea Svizzera.

Secondo il ministero degli esteri israeliano le autorità aeroportuali americane hanno ricevuto una segnalazione anonima di una bomba a bordo.

Avvisato immediatamente la compagnia El Al e, in base alla posizione, dell’aereo le autorità svizzere, si è deciso di autorizzare il decollo di due caccia che hanno affiancato il velivolo.

Switzerland - Air Force McDonnell Douglas F/A-18 Hornet, foto archivio PSC
Switzerland - Air Force McDonnell Douglas F/A-18 Hornet, foto archivio PSC

Una volta stabilito il contatto con i piloti del Boeing 747, si è proceduto a scortarlo fino ai confini austriaci, dove è stato preso in consegna dall’aviazione di Vienna.

Al momento non è chiaro quale ruolo avrebbero dovuto avere gli aerei svizzeri nell’ipotesi che a bordo fosse stato veramente riscontrato un ordigno esplosivo.

In caso di reale pericolo la procedura prevede un atterraggio forzato di emergenza e come ultima ratio l’abbattimento del velivolo, ipotesi fortunatamente mai accaduta nella storia dell’aviazione svizzera.

In ogni caso l’aereo è atterrato in sicurezza all’aeroporto Ben Giurion di Tel Aviv alle 12:43 ora locale e dopo una accurata ispezione l’allarme bomba è rientrato.

Italy - Air Force Eurofighter EF-2000 Typhoon, foto archivio PSC
Italy - Air Force Eurofighter EF-2000 Typhoon, foto archivio PSC

E’ sempre di oggi, ma non sembra avere al momento  correlazione, la notizia del decollo dalla base aerea di Grosseto, sede del 4° Stormo, di due caccia Eurofighter alle ore 06:50 (ora Zulu), le 08:50 locali, per una missione operativa sui cieli nazionali.

In accordo con i vari enti di controllo del traffico aereo i due velivoli sono stati autorizzati ad andare a velocità supersonica sui cieli della Toscana.

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Giorgio Cereghini (mercoledì, 06 luglio 2016 01:00)

    I due Eurofighter hanno continuato a velocità supersonica sorvolando le provincie di Forlì Ravenna e Ferrara dove il tipico bang sonico è stato distintamente udito dalla gente