PSC: un club da...copertina!

Albastar, compagnia aerea spagnola specializzata nel traffico di linea a breve raggio e charter, ha utilizzato due foto del PSC Verona per le copertine del mese di giugno e luglio della sua rivista di bordo.

 

PSC ha già partecipato attivamente ad alcuni eventi programmati da Albastar come, ad esempio, la presentazione dei nuovi velivoli Boeing 738 e le nuove divise  e la presentazione dei voli tra l'aeroporto di Bergamo e Lourdes.

 

Il nostro club ha inoltre realizzato un servizio fotografico "in volo" sulla suddetta tratta, le cui immagini di contorno sono racchiuse in un post pubblicato sul nostro forum (clicca qui).

 

Il nostro Club ringrazia sentitamente l'Ufficio Stampa di Albastar, sempre attivo, disponibile e...simpatico per aver scelto nostre immagini per il loro organo ufficiale di comunicazione. 

 

Le nostre gallerie di immagini dedicate ad Albastar sono le seguenti.

 

Galleria Aeroporto di Verona

World Collection

 

La sezione del nostro forum dedicata alle notizie ed avvenimenti della compagnia Albastar è raggiungibile cliccando sul seguente link.

 


0 Commenti

PSC World Collection: i nuovi arrivi (prima parte)

0 Commenti

Aeroporto di Verona: i dati di giugno

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell'Aeroporto di Verona sui dati di traffico del mese di giugno 2018.

 

CATULLO S.p.A. – In crescita per il 26° mese consecutivo i passeggeri dell’aeroporto Catullo.

La positiva performance di giugno registra 385.916 passeggeri, in aumento del 9,6%, superiore alla media nazionale come ogni mese da inizio anno.

1.482.099 i passeggeri da gennaio a giugno, in aumento del 9,6%.

 

Il mese di giugno dell’aeroporto Catullo conferma la crescita superiore alla media nazionale che da inizio anno caratterizza lo scalo veronese. 385.916 i passeggeri registrati, con un incremento del 9,6% rispetto allo stesso mese del 2017.

 

Nel periodo gennaio-giugno i passeggeri sono stati 1.482.099, in crescita del 9,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

 

In aumento anche il numero di voli: 3.422 a giugno (+3,6%) e 14.521 nel semestre (+5,8%).

 

Nei primi sei mesi del 2018 il traffico domestico, con oltre mezzo milione di passeggeri, è cresciuto del 20%, mentre il segmento internazionale ha totalizzato circa 960mila passeggeri, in crescita del 5%.

 

A tale risultato hanno contribuito in modo significativo l’apertura di nuovi collegamenti che, a partire dal gennaio, hanno ampliato ulteriormente l’offerta dell’aeroporto di Verona:

  • ·       Volotea ha incrementato il suo network con 5 nuove destinazioni (Atene, Faro, Lamezia Terme, Creta e Pantelleria);
  • ·       Jet2.com ha inserito 2 nuove rotte per il Regno Unito (Londra e Manchester);
  • ·       Tunisair ha riaperto il mercato con la Tunisia (inserendo Djerba e Monastir);
  • ·       Fly Ernest ha integrato la sua operatività con 2 nuove rotte per la Romania (Bucarest e Iasi);
  • ·       Siberia Airlines ha introdotto la nuova linea per San Pietroburgo;
  • ·       Cyprus ha lanciato il nuovo volo estivo per Larnaca;
  • ·       Aegean ha incrementato l’offerta di Volotea, inserendo un nuovo volo bisettimanale per Atene;
  • ·       Ryanair ha ampliato il suo ventaglio di destinazioni inaugurando la rotta per Brindisi.

 

Inoltre, il 1^ luglio Aeroflot ha inaugurato la nuova destinazione giornaliera per Mosca Sheremetyevo.

 Le principali rotte nazionali sono state Catania (con 132mila passeggeri, +32% rispetto al 2017), Roma Fiumicino (con 103mila passeggeri, +21% rispetto allo scorso anno) e Palermo (con oltre 94mila passeggeri, +6% rispetto al 2017).

Le destinazioni internazionali con maggiore volume di traffico sono state invece Londra (con oltre 170mila passeggeri), Mosca (con circa 85mila passeggeri) e Francoforte (con oltre 78mila passeggeri).

 

Nei primi sei mesi dell’anno circa l’80% del traffico su Verona è attribuibile al segmento di linea, che è cresciuto dell’11% rispetto al 2017, mentre il restante 20% circa è ascrivibile al leisure, che ha registrato un incremento del 4% rispetto allo scorso anno.

 

I vettori di linea che hanno movimentato il maggior flusso di passeggeri sono stati: Volotea, primo vettore assoluto sullo scalo scaligero, Ryanair, Alitalia, Air Dolomiti/Lufthansa e Siberia Airlines. Per il segmento leisure, Neos è il vettore leader con il 44% di share del traffico.

 

I principali mercati per volume di traffico sono stati Italia, Regno Unito e Germania seguiti da Federazione Russa, Spagna, Albania ed Egitto.

0 Commenti

Nuove da Bolzano

L'Aeroporto di Bolzano non può di certo annoverare tra le sue principali caratteristiche un traffico paragonabile agli altri aeroporti del Nord Italia, ma dal punto di vista della localizzazione e del contorno è da considerarsi, dal punto di vista estetico, tra i primi al mondo. Immerso nel verde e contornato da montagne, offre uno scenario unico e prezioso.

 

Il nostro Davide Pernici ci tiene costantemente informati sugli aeromobili che fanno scalo al "Dolomiti". Oggi vi proponiamo le novità del fine settimana.

 

Il report completo, comprensivo di alcune splendide immagini in bianco e nero, è come sempre consultabile sul nostro forum (clicca qui per accedervi).

 

E' disponibile, sul nostro sito, un'ampia sezione dedicata all'Aeroporto di Bolzano (clicca qui per accedervi).


0 Commenti

Fly Party Montagnana: il terzo report

Vi proponiamo oggi l'interpretazione di Marco Morbioli del Fly Party di Montagnana, con inquadrature ardite e consapevole desiderio di cogliere il particolare.

 

La visione del report completo è disponibile, come sempre, sul nostro forum.

 

Clicca qui per accedervi.


0 Commenti

British Airways: tutti i colori della...regina

Nel 1974, a seguito della fusione tra le compagnie aeree BEA, BOAC e British Air Services (Northeast e Cambrian), nasce British Airways, destinata a diventare uno dei maggiori attori della scena del trasporto aereo commerciale.

 

Dopo i primi mesi di colorazioni ibride, provenienti prevalentemente dalle precedenti appartenenze, gli aerei della British Airways iniziano ad indossare nel 1975 quella inconfondibile livrea che ha sempre assegnato alla compagnia inglese lo scettro di una delle più eleganti a livello mondiale.

 

La prima livrea, "Negus" (dal nome dello studio che l'ha creata), è stata adottata per circa un decennio, sostituita nel 1984  dalla classicissima "Landor", caratterizzata da una diversa colorazione della coda e dai nuovi caratteri del "lettering".

 

La vera rivoluzione avviene nel 1997, con l'introduzione dell'attuale colorazione, ma accompagnata da quella splendida follia chiamata "Utopia". Le nuove livree sono accompagnate da diverse colorazioni della coda che recano motivi etnici dedicati sia al Regno Unito che al resto del Mondo. La scelta è talmente "avanti" rispetto alla mentalità del tempo che il progetto Utopia viene abbandonato nel 1999, con la riunificazione di tutte le colorazioni in quella classica che, con leggere modifiche effettuate nel 2011 e 2014, accompagnato tutt'ora gli aerei di  British Airways.

 

Ripercorriamo con le immagini la storia delle livree di British con le foto della collezione del PSC (clicca qui). Per chi volesse approfondire il tema, consigliamo questa pagina.

 

Le altre gallerie di immagini dedicate a British Airways sono reperibili ai seguenti link.

 

Collezione Aeroporto di Verona

World Collection


0 Commenti

Volotea completa lo schieramento dei primi quattro Airbus A319 destinati all'Italia; la loro base sarà Verona.

Volotea ha oggi in flotta 13 esemplari dell'Airbus A319. I primi quattro destinati alle basi italiane hanno completato il loro schieramento in questi giorni, e la loro base di armamento sarà Verona.  Vi proponiamo il comunicato stampa della compagnia spagnola, arricchito dalle immagini PSC che hanno accompagnato la sua uscita.

 

Volotea, la compagnia aerea che collega aeroporti di medie e piccole dimensioni in Europa, ha ufficialmente ricevuto i suoi primi 4 Airbus A319 basati su territorio italianoI 4 aerei faranno base all’aeroporto di Verona, permettendo così al vettore diaumentare la propria capacità di trasporto passeggeri del 25% per ogni volo e di offrire un’esperienza di viaggio ancora più comoda e confortevole. Una decisione strategica che consentirà alla compagnia di raggiungere, grazie ai nuovi aeromobili, destinazioni più lontane, approcciando così nuovi mercati. I nuovi aerei attestano lo sviluppo di Volotea che vuole diventare un operatore 100% Airbus nei prossimi anni.

Con l'arrivo di questi quattro nuovi velivoli, Verona è diventato il primo aeroporto italiano in cui sono basati gli aeromobili che contribuiranno alla crescita di Volotea. La consegna di questi quattro A319 rappresenta un passo importante nello sviluppo del vettore: questo modello di aeromobili consentirà, infatti, a Volotea di trasportare 31 passeggeri in più per ogni volo, passando dagli attuali 125 del Boeing 717 ai 156 posti dell'A319, ben il 25% in più. Gli A319 hanno un raggio di volo di 3.500 km (1.000 in più rispetto ai B717) e consentiranno alla compagnia di raggiungere nuove destinazioni più lontane da Verona.

L'A319 fa parte della famiglia Airbus 320, la linea di aeromobili più venduta al mondo. I velivoli Airbus sono dotati di tecnologie eco-friendly con numerosi benefici: gli A319, infatti, producono meno emissioni di gas serra, sono meno rumorosi e bruciano il 12% in meno di carburante, essendo così più rispettosi dell'ambiente. Con i nuovi aerei si raggiungeranno quindi alcune delle 20 destinazioni collegate all’aeroporto Catullo. Dallo scalo veneto, Volotea opera infatti 20 rotte, 12 delle quali in esclusiva, verso 10 destinazioni domestiche (Alghero, Bari, Cagliari, Catania, Lampedusa, Napoli, Olbia, Palermo, Pantelleria e Lamezia Terme) e 10 all’estero (Ibiza, Palma di Maiorca, Minorca, Cork, Atene, Creta, Mykonos, Santorini, Faro e Tirana). Il vettore si riconferma a Verona come prima compagnia per numero di mete raggiungibili dallo scalo

"Siamo felici di dare il benvenuto a questi 4 nuovi aeromobili, che si aggiungono a quelli già presenti nella nostra flotta. L'A319 è un velivolo eccellente molto diffuso nel mercato aviation che offre ottime prestazioni e consente lo sviluppo della nostra flotta a lungo termine" - ha affermato Carlos Muñoz, Presidente e Fondatore di Volotea. "Questo nuovo velivolo ci permetterà, inoltre, di trasportare i nostri passeggeri verso nuove destinazioni più distanti, con il comfort e la qualità che ci si aspetta di trovare a bordo della nostra flotta".

Tutte le rotte da e per Verona sono disponibili sul sito www.volotea.com, nelle agenzie di viaggio o chiamando il call center Volotea all’895 895 44 04.

 

CRESCITA DI VOLOTEA

Volotea ha raggiunto il traguardo dei 18 milioni di passeggeri trasportati dal suo primo volo nel 2012, totalizzando più di 4,8 milioni di passeggeri nel 2017.

Nel 2018, Volotea ha aperto 58 nuove rotte per un totale di 293 collegamenti in 78 medie e piccole destinazioni europee in 13 Paesi: Francia, Italia, Spagna, Germania, Grecia, Croazia, Repubblica Ceca, Albania, Portogallo, Malta, Austria, Irlanda e Lussemburgo. La compagnia aerea stima di trasportare tra i 5,7 e i 6 milioni di passeggeri nel 2018.

Volotea ha al momento 12 basi operative: Venezia, Nantes, Bordeaux, Palermo, Strasburgo, Asturie, Verona, Tolosa, Genova, Bilbao, Marsiglia e Atene. Queste ultime 3 sono state recentemente inaugurate nel 2018.

L’organico Volotea nel 2017 era di 875 dipendenti e la compagnia creerà altri 250 nuovi posti di lavoro nel 2018 per capitalizzare la sua crescita.

Nel 2018 Volotea opererà nel suo network di destinazioni con una flotta di 32 aeromobili, tra cui Boeing 717 e Airbus A319. Entrambi gli aeromobili, riconosciuti per affidabilità e comfort, dispongono di sedili reclinabili e sono il 5% più spaziosi della media.

L’Airbus A319 è il modello di aeromobile scelto per la futura crescita della compagnia e permetterà un aumento del 20% nella sua capacità di trasporto, consentendo di trasportare 150 passeggeri e di operare rotte più lunghe. 

Volotea è stata selezionata dai TripAdvisor Travellers’ Choice 2017 come la migliore compagnia aerea basata in Italia, Francia e Spagna nella categoria “Europe Regional and Low Cost”.


0 Commenti