· 

Aeroporto di Verona: la situazione voli al 18 novembre 2021

Le compagnie aeree hanno di fatto completato la programmazione dei voli per quant riguarda la stagione invernale 2021/2022 e la stagione estiva 2022. Quest'ultima, almeno in teoria, dovrebbe essere la stagione del rilancio del traffico internazionale e gli annunci di apertura di nuove rotte si susseguono quasi giornalmente, fenomeno che però non sembra toccare il Catullo.

 

Ad oggi la rete di collegamenti stabili dall'Aeroporto di Verona, esclusi quindi i servizi stagionali, mostra una larghissima parte d'Europa sguarnita e l'interesse del Catullo sembra rivolto essenzialmente al Sud e alle Isole Britanniche, con qualche eccezione poco significativa. Nel resto del Vecchio Continente appaiono sterminate praterie inesplorate.

 

Si segnala che le rotte che toccano Corfù, Barcellona, Palma di Maiorca e Oporto sono alla prima o seconda estate di operatività e che quindi attualmente non hanno i requisiti per poter essere definite rotte stabili annuali e necessitano quindi di una conferma.

Nel corso del mese di novembre si è assistito ad una serie di sospensioni di rotte o di cancellazioni che hanno portato ad una forte riduzione del traffico del Catullo, con punte giornaliere di soli sette partenze e una media giornaliera di 14, alle quali vanno aggiunte una manciata di voli charter di Neos.

 

Interessante notare che Volotea, che ha basato a Verona tre aeromobili, effettui in realtà non più di tre partenze medie al giorno, con ben tre giorni in cui effettua un solo volo.  Ryanair si dimostra la compagnia più stabile con uno share del 35% di tutto il traffico settimanale, seguita da Volotea con il 21% e Wizzair con il 14%. Da rimarcare l'assenza di ITA che, come noto, ha sospeso il Verona - Roma fino all'inizio della stagione estiva 2022

Il tabellone delle destinazioni attualmente attive evidenzia la preponderanza dei collegamenti verso il Sud Italia e sole quattro rotte con frequenza giornaliera, due delle quali d Air Dolomiti e due verso la Sicilia.

Le nuove rotte, tutte stagionali, sono in partenza con la stagione estiva 2022 ad esclusione del Verona - Riga di Air Baltic che inizierà le operazioni in concomitanza con il periodo Natalizio. Le due nuove rotte di Ryanair sono per il momento programmate solo per l'estata, ma non possiamo escludere una loro programmazione anche per la stagione invernale. Nessun dubbio, invece, per le rotte di Jet2 che saranno sicuramente limitate all'estate, anche se in passato Belfast ha avuto qualche frequenza anche in inverno.

Tra l'elenco delle rotte cancellate riscontriamo le seguenti novità:

 

  • - Amsterdam (KLM): rotta operata per due mesi tra luglio e agosto 2021, non presente sulle piattaforme di vendita della compagnia.
  • - Edimburog, Manchester e Olbia (Esyjet): non riproposte per la stagione estiva 2022
  • - Faro, Lamezia Terme, Palma di Maiorca, Preveza e Skiathos (Volotea): non riproposte per la stagione estiva 2022
  • - Lampedusa (Luke air - Blue Panorama): rotta non programmata a causa dello stop alle operazioni della compagnia.
  • - Leopoli (Wizzair): rotta più volte annunciata, ora rimossa dal programma della compagnia
  • - Pescara (FlyLeOne): rotta annunciata e mai partita, ora rimossa dal programma della compagnia.

A questa va aggiunta la Verona - Manchester di Ryanair che è stata rimossa dall'operativo della compagnia a partire dalla stagione estiva 2022.

Le rotte attualmente sospese oi n attesa di attivazione sono molto numerose, segno che il traffico del Catullo sarà governato di una altissima componente stagionale, ancora più accentuata rispetto agli anni precedenti.

 

Tra le novità positive possiamo elencare la ripresa dei voli di Aeroflot per Mosca e la partenza del servizio di Finnair su Helsinki che rappresenterà l'unica alternativa al gruppo Lufthansa per i proseguimenti intercontinentali, soprattutto verso Cina e Giappone.

 

Il progrmma voli è ovviamente vincolato al mantenimento di un adeguato livello di sicurezza e di libertà di circolazione correlati alla Pandemia, per cui i programmi di ogni compagnia, anche le più importanti, sono subordinati alle decisioni dei Governi e delle compagnie stesse.

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Aldo (giovedì, 18 novembre 2021 12:54)

    ANCORA E SEMPRE: VIVA SAVE !!!!!