· 

Aeroporto di Verona: crolla il traffico verso la Spagna, si salva per ora solo Ryanair

Nei primi due mesi del 2019 il traffico passeggeri dall'Aeroporto di Verona agli aeroporti spagnoli ha subito una brusca battuta d'arresto, dopo i progressi degli ultimi anni.

 

Nei primi due mesi del corrente anno, infatti, l'Aeroporto di Verona ha visto transitare 14.804 passeggeri da e per la Spagna, con un calo di circa il 31% rispetto allo stesso periodo del 2018, quando il totale si assestò a 21.543 passeggeri.

 

Il calo ha colpito essenzialmente la componente charter e soprattutto le rotte su Fuerteventura (-91%), Tenerife Sud (-55%) e Gran Canaria (-27%). 

 

In controtendenza le rotte di linea di Ryanair, con Madrid che migliora di circa il 4% e Siviglia che si mantiene in linea con il dato del 2018. Significativo anche il dato del coefficiente di riempimento che si stabilizza tra l'85/86% per Madrid mentre migliora per Siviglia, passando dall'89% di gennaio a quasi il 92% di febbraio.

 

Alla luce di quest'ultimo dato, come già ribadito in precedenza, fa riflettere la decisione di Ryanair di abbandonare la rotta verso la capitale spagnola in coincidenza con l'inizio dell'orario estivo e di chiudere il servizio su Siviglia a partire dalla stagione invernale 2019/20.

 

In pratica, da novembre 2019, Verona non avrà più servizi di linea verso la Spagna, mercato importantissimo e che si classifica, da sempre, tra le tre principali direttrici europee di traffico del Catullo. Una perdita valutabile in circa 70/75mila passeggeri annui.

Scrivi commento

Commenti: 0